Crea sito

konrad Lorenz

Konrad Zacharias Lorenz (nato a Vienna il 7 novembre 1903 e morto a Altenberg  il 27 febbraio 1989)  è stato uno zoologo e etologo austriaco. E' considerato il fondatore della moderna etologia scientifica, da lui stesso definita come “ricerca comparata sul comportamento”.

Nel 1973, per la sua attività, gli viene assegnato il Premio Nobel per la medicina e la fisiologia (condiviso con Nikolaas Tinbergen e Karl von Frisch) per i suoi studi sulle componenti innate del comportamento e in particolare sul fenomeno dell'imprinting nelle oche selvatiche. Lorenz deve gran parte della propria popolarità alle sue  opere di divulgazione scientifica. Pioniere dell'ambientalismo, si è anche occupato per tutta la vita di filosofia, specialmente nel campo gnoseologico (teoria della conoscenza), contribuendo alla fondazione dell'epistemologia evoluzionistica ( lo studio critico dei limiti della natura da un punto di vista evolutivo) e elaborando una interpretazione biologica e filogenetica dell'apriorismo kantiano (ovvero prima del filosofo tedesco Immanuel Kant).

Konrad Lorenz trascorse l'infanzia ad Altenberg sulle rive del Danubio,dove rivolse il suo interesse per il mondo animale.

I genitori gli regalarono un pulcino d'anatra; condivise il suo interesse con una bambina di tre anni più grande che divenne sua moglie a cui regalò un anatroccolo della stessa covata. A 10 anni scoprì i principi dell'evoluzione osservando una tavola di Archeopteryx (anello di congiunzione fra rettili e uccelli) e leggendo libri sull'argomento progettò di fare il paleontologo,e ebbe l'occasione di avere per maestro di scuola un monaco benedettino che insegnava liberamente la teoria darwiniana  della selezione naturale.

Prima di terminare il liceo (nel 1922)  voleva studiare zoologia e paleontologia, ma seguì il volere del padre iscrivendosi a medicina all'università di Vienna alloggiando presso la casa dei genitori, dove continuò a coltivare i suoi interessi zoologici. Ancora prima di conseguire la laurea (1928) divenne assistente universitario, presso l'istituto di anatomia. La sua prima pubblicazione scientifica fu un diario di appunti e illustrazioni sul comportamento delle taccole (corvidi). La fidanzata Gretel fece dattilografare questo scritto  a sua insaputa e lo inviò al dott. Oskar Heinroth  dando inizio alla sua carriera. Sposatosi con lei ( ginecologa) visse ad Altenberg ospitando in giardino moltissimi animali liberi.

Nel 1937  Lorenz fece domanda alla Comunità di Ricerca Tedesca per una borsa di studio, facendosi raccomandare da accademici viennesi come simpatizzante del  nazismo; la domanda ebbe esito positivo e l'anno successivo allegò le prove che lui e sua moglie erano di origine ariana.

Con l'annessione dell'Austria alla Germania (1938) prese la tessera del partito nazista e nel 1940 ottenne la cattedra di psicologia all'Università di Konigsberg.

Nel corso della seconda guerra mondiale fu reclutato dall'esercito tedesco inizialmente come porta ordini motociclista e poi come psicologo e infine medico

dell'ospedale di Posen in Polonia.

Nella primavera del 1942 fu spedito al fronte orientale, vicino a Vicebsk (Bielorussia), due mesi dopo fu fatto prigioniero dai sovietici e internato in un  campo di prigionia in Armenia; nell'Unione Sovietica fece peraltro significative esperienze prima come medico del campo e poi in ospedale.

Fu rimpatriato in Austria nel 1948 e gli fu permesso di tenere un manoscritto sugli uccelli  che stava scrivendo e che pubblicò. Si reinserì nell'ambito della ricerca zoologica e nel 1949 fondò l'Istituto di Etologia Comparativa dell'Accademia austriaca delle Scienze. Pubblicò il libro che lo rese famoso: l'anello di re Salomone. Nel 1950 fu creato per lui l'istituto Lorenz di etologia della Società Max Planck a Bulden in Westfalia (Germania) e nel 1955 fu  vice direttore dell'Istituto Max Planck di fisiologia del comportamento in Baviera e dal 1961 ne divenne direttore.

Nel 1953 venne nominato professore onorario presso l'università di Munster e nel 1957 anche professore onorario di Zoologia presso l'Università di Monaco di Baviera.

Nel 1969 fu il primo vincitore del “Premio mondiale Cino  Del Duca” e nel 1973 gli fu conferito il Premio Nobel per la medicina condiviso con  Nicolaas Tinbergen e Karl von Frisch per “la scoperta in modelli di comportamento individuale e sociale.

Ritiratosi dall'Istituto Max Planck nel 1973 continuò a fare ricerca e pubblicare da Altenberg fino alla morte all'età di 85 anni.

E' considerato uno dei fondatori dell'etologia (  studio del comportamento animale nel suo ambiente naturale) studiando le taccole e le oche selvatiche ; elaborò nel 1935 il concetto di imprinting: l'apprendimento istintivo caratteristico di una specie, che pare non derivare dall'esperienza individuale, ma bensì innato, osservando che nelle anatre selvatiche i processo di imprinting è ridotto in poche orte dopo la schiusa ed è irrevocabile, differenziandosi da qualsiasi altra forma di apprendimento. Studiò anche i problemi e i codici del comportamento animale  legati al corteggiamento, alle pratiche sessuali e alla cova.

Compì anche ricerche sull'aggressività e sulla sua funzione legata alla sopravvivenza degli individui.

Gli articoli e i saggi da lui pubblicati furono molti , recuperabili facilmente e interessantissimi per il contenuto e la chiarezza dell'esposizione.